San Silvestro: tradizioni e perché si festeggia

amici che brindano capodanno san silvestro

La notte di San Silvestro è una delle festività più attese in tutto il mondo, in quanto segna il passaggio dall’anno vecchio a quello nuovo. Ma cosa si cela dietro questa antica celebrazione e perché è così significativa? In questo articolo, scopriamo le tradizioni legate a San Silvestro e le ragioni per cui viene festeggiato con tanto entusiasmo in molte culture. Dalla sua connessione con le antiche usanze romane alle moderne celebrazioni ricche di simbolismo, scopriremo il significato dietro le festività di Capodanno e come le persone in Italia accolgono l’arrivo del nuovo anno con rituali unici e affascinanti.

L’origine della festa di San Silvestro 

San Silvestro, passato alla storia come papa Silvestro I, è stato il capo della Chiesa cattolica nel passato. Questa figura storica rimane avvolta nel mistero, poiché fu un pontefice estremamente discreto, lasciando poche testimonianze della sua vita. Il suo papato si collocò in un momento di transizione da Roma pagana a Roma cristiana. La data della sua morte, avvenuta il 31 dicembre 335, è uno dei pochi dati conosciuti su di lui. Dopo la sua dipartita, che segnò la fine dei suoi 21 anni di pontificato, fu sepolto nelle Catacombe di Priscilla.

Alcuni sostengono che la figura di San Silvestro sia sfumata rispetto ad altri papi a causa delle circostanze storiche in cui visse. Egli fu il vescovo di Roma durante il regno di Costantino, l’imperatore che si convertì al Cristianesimo e favorì la sua diffusione su vasta scala. Spesso, Costantino prendeva decisioni ecclesiastiche al posto del papa, influenzando così il ruolo di San Silvestro.

Le festività, come le conosciamo oggi, spesso riflettono un compromesso tra le tradizioni del passato. Lo stesso Capodanno, festeggiato nella notte tra il 31 dicembre e l’1 gennaio, in passato coincideva con la celebrazione pagana in onore di Giano, il dio con due volti, simbolo degli inizi. Giano poteva guardare sia al futuro che al passato, e il Capodanno divenne un momento per riflettere su ciò che è stato e fare buoni propositi per il futuro.

Le tradizioni di San Silvestro

Durante la notte di San Silvestro in Italia, le celebrazioni seguono tradizioni consolidate nel tempo. Alcuni scelgono di recarsi nelle piazze per assistere a concerti, mentre altri optano per veglioni o feste in discoteca. Molti preferiscono condividere un sontuoso cenone con amici e familiari, brindando con spumante e mangiando lenticchie, cotechino e zampone.

L’usanza di consumare lenticchie a San Silvestro ha origini nell’antica Roma, poiché la loro forma ricorda le monete e simboleggia prosperità e fortuna per l’anno a venire. Gli antichi Romani avevano anche l’abitudine di regalare sacche di lenticchie, chiamate ‘scarsella’, legate alla cintura come auspicio di ricchezza. In Messico e in Spagna, si mangiano dodici acini d’uva allo scoccare della mezzanotte, ognuno rappresentante un mese dell’anno. Alcuni preferiscono i chicchi di melograno come alternativa all’uva.

I fuochi d’artificio e i petardi, diffusi durante la notte di San Silvestro, hanno origini legate all’antica credenza di scacciare spiriti maligni e diavoletti con il rumore. Il caratteristico ‘botto’ del tappo dello spumante contribuisce anch’esso a allontanare il malocchio.

Un altro rito propiziatorio prevede il lancio di oggetti vecchi e cocci dalla finestra, simboleggiando la rottura con il passato e l’apertura a un futuro migliore. È importante lanciare gli oggetti sul pavimento di casa per evitare di ferire chi passa.

Indossare biancheria rossa durante la notte di San Silvestro è considerato un auspicio di buona fortuna, a condizione che l’intimo sia un regalo e non un acquisto, e che sia indossato una sola volta.

Il bacio sotto il vischio, allo scoccare della mezzanotte, rappresenta la tradizione più romantica della notte di San Silvestro, legata alla leggenda della dea celtica Freya, protettrice degli innamorati, che ha reso il vischio simbolo dell’amore eterno che sconfigge la morte.